artiglieri


Vai ai contenuti

Storia

La Sezione Nazionale Artiglieri d' Italia di Pieve di Soligo
è stata ricostituita il 22/03/2006.

Andiamo a vedere la sua origine.
Dai documenti nazionali non si risale a prima
del 1962 noi però, abbiamo delle fotografie che,
documentano una commemorazione
del 4 novembre 1958 svoltasi a Pieve di Soligo,
dove appare il labaro della nostra sezione.

Prima di questa data,
non esiste nessuna documentazione.















Pieve di soligo 4 novembre 1958
in basso a sinistra il labaro della
sezione di Pieve di Soligo



Una testimonianza proviene dal ritrovamento di un
labaro nazionale con la dicitura "Gruppo Artiglieria
Pieve di Soligo" con lo stemma, purtroppo rimosso,
di casa Savoia il che ci rimanda ai primi anni del
primo dopoguerra.
Noi comunque ufficialmente teniamo l' anno 1959
riservandoci di aggiornare tale data una volta
terminate le ricerche.
E finalmente le ricerche hanno dato buoni frutti.
Grazie al figlio Gianni siamo entrati in possesso
della tessera del padre Antonio Spina, Art. da montagna
che attesta l' iscrizione alla sezione nell' anno 1934, ciò
conferma le nostre supposizioni riguardo l' esistenza
della sezione già negli anni 30.

Pieve di Soligo commemorazione
Santa Barbara 1959

Ritornando al 1959, il consiglio direttivo
era così formato:
Maggiore Beniamino Bagnara Presidente
Tenente Sergio De Stefani Segretario
Artigliere Guerrino Sech Alfiere.

Non ci sono verbali di assemblee, elenchi di iscritti ma, solo le
testimonianze dei veci artiglieri.
Non sappiamo fino a quando il Mag. Bagnara abbia guidato la
la sezione, però sappiamo bene chi la prese il mano dopo.
E' stato Umberto Dal Vecchio, di Solighetto che aveva una bottega di ferramenta
e rivendita di bombole di gas, a Solighetto da
tutti conosciuto come Berto Rocco.








S. Barbara 1961
il primo a sinistra è Umberto Dal Vecchio









Della guida della sezione di Berto
abbiamo vari documenti,
ci sono elenchi iscritti,
le varie feste di S. Barbara organizzate
con le relative foto,
con la presenza costante del suo amico
onorevole e tenente artiglieria Francesco Fabbri.

Le lettere con le quali
la sezione provinciale nel nome
del Cavaliere Gran Croce Enrico Benazzi
negli ultimi anni lo sollecitano
all' acquisto dei bollini
per mantenere viva
la sezione fino alla sua morte
avvenuta nel 1997.










S. Barbara 1963

1964 Santa barbara
al centro si riconosce Francesco Fabbri futuro Senatore

"Nel 1993 e precisamente il 19 settembre la sezione ha
partecipato all' innaugurazione del monumento
"Al mulo dell' artiglieria e al suo conducente"
a Belluno con un raduno interregionale. Eravamo in tre
con Berto che ha voluto fare tutto il percorso della sfilata
con una notevole difficoltà nel mantenere il passo,
quando passammo sotto la tribuna delle autorità ci fu
un applauso spontaneo alla tenacia del
vecchio artigliere."











Dopo la sua morte la sezione è rimasta nell' oscurità.
Un grazie và soprattutto al Presidente Proviciale
Cav. Giordan che non ha mai dichiarato sciolta
la storica sez. di Pieve di Soligo e che a
continuato a credere ad una futura ricostituzione.
Il labaro sezionale era nel frattempo custodito
dall' Art. Scotta Elio il quale partecipava alle manifestazioni
comunali e alle feste degli Alpini mandando il figlio.
Anche di questo la sezione rende un enorme ringraziamento.


Veniamo alla ricostruzione vera e propria.

Nel giugno 2005 ci fù un raduno interregionale
a San Donà di Piave dove io personalmente
(De Cet Fabio ndr) partecipai con la sez. di Follina dove io
ero iscritto.
Era una domenica con un tasso di umidità altissimo e
un caldo boia, nell' attesa delle solite e infinite allocuzioni
mi viene presentato dagli artiglieri di Follina il
Cav. Giordan Giorgio Presidente Provinciale per la
sinistra Piave e là furono presi gli accordi per
la ricostruzione della sezione di Pieve di Soligo.
Dopo le ferie ai primi di settembre ci incotrammo a Pieve.
Il Cav. Giordan arrivò da Vittorio Veneto insieme al Comm.
Camerin Virginio e all' Artigliere Peressini Angelo di Rua
di Feletto, già presidente della sezione di San Pietro di
Feletto, ormai sull' orlo dello scioglimento.
Andammo dall' artigliere Scotta Elio e dal Comm. Tommasi e
lì a casa di Tommasi ci fù la firma sul verbale di ricostituzione.



Santa Barbara 1971

Il giorno 30 ottobre previa lettere mandata dal Comm. Tommasi
a quei pochi artiglieri rimasti nei vecchi elenchi, ci trovammo
presso l' osteria da Ciotta alle ore 11.00 per dare vita al
nuovo direttivo.
Riportazione verbale:
in data odierna 30 ottobre 2005 si sono riuniti in Pieve di Soligo
i seguenti artiglieri: De Cet Fabio, De Zanet Maurizio, Furlan Pietro,
Peressini Angelo, Tommasi Antonio, alla presenza del Vice Presidente
Provinciale Cav. Giordan, i presenti concordano di nominare
il direttivo della rinata sez. di Pieve di Soligo.
Presidente Tommasi Antonio.
Vice presidente De Cet Fabio.
Segretario De Zanet Maurizio.
Consiglieri, Peressini Angelo, Furlan Pietro.









Labari della sezione di Pieve di Soligo
e San Pietro di feletto (accorpata)

1967 labaro della sezione

Riportazione verbale:
in data 1 ottobre 2005 si sono riuniti in Pieve di Soligo
(TV) i seguenti artiglieri: Peressini Angelo, Scottà Elio,
Scottà Mauro, Tommasi Antonio, De Cet Fabio.
Alla presenza del Vice Presidente della Federazione
Provinciale A.N.Art.I. di Treviso Cav. Giordan Giorgio
e del Comm. Camerin Virginio, del gruppo organizzativo
dell' A.N.Art.I. Regione Veneto, i presenti dichiarano di
voler ricostituire la Sezione Artiglieri di Pieve di Soligo
da parecchi anni disciolta con la morte dell' ultimo
presidente Cav. Dal Vecchio Umberto e, di voler
conglobare nella stessa gli artiglieri rimanenti della
Sez. di San Pietro di Feletto estintasi ancor prima,
il cui labaro trovasi presso l' abitazione dell' artigliere
Peressini Angelo. Letto confermato e sottoscritto.
Pieve di Soligo 1° ottobre 2005.

Questo quanto riguarda la parte storica della sezione.
Tommasi manterà la guida della sezione per il triennio
2005/2008, poi lascerà per motivi di lavoro.
Prenderà incarico il nuovo direttivo il 20/11/2008,
con il seguente esito delle votazioni:
Presidente De Cet Fabio.
Vice presidente Luciano Michele.
Segretario De Zanet Maurizio.

Consiglieri ten. Fontana lamberto, Furlan Pietro,
Bertini Bruno, Bertini Sergio, D' Agostin Angelo, che
proseguirà spedito fino ad avere un numero di iscritti
di oltre 65 soci e 50 abbonamenti all' Artigliere.
Il resto è storia recente. Il nuovo direttivo 2012/2014
è stato eletto il dicembre scorso, mantenendo il
precedente statuto tranne l' uscita per motivi di
anzianità del consigliere Furlan Pietro al quale vanno
i più sinceri ringraziamenti a nome della sezione per la
oltre quarantennale presenza e, l' entrata al suo posto
nel direttivo del serg. Ciotta Stefano.

Nel frattempo nonostante i nostri veci che
sono andati avanti, il Comm. Antonio Tommasi,
presidente onorario, l' Art. Elio Scotta, che
per anni ha mantenuto viva la sezione
e Giuseppe Padoin.
Gli iscritti all' associazione sono cresciuti fino
all' attuale numero di 105.
A dicembre c' è stato il rinnovo del consiglio
per il triennio 2015-2017.
Il nostro caro vice-presidente Michele Luciano
ha lasciato l' incarico e, dal nuovo direttivo
è stato nominato consigliere emerito.
Assieme alle vecchie conferme ci sono stati
dei nuovi ingressi a partire dal nuovo vice-presidente,
caporale Fabio Dassie, il revisore dei conti
tenente Lamberto Fontana e dai consglieri
caporale Albano Bianco, Rudy Papa e Viezzer Flavio.
Al nuovo direttivo un buon lavoro.

Sempre e d' ovunque






Direttivo sul Ponte degli Artiglieri
lungo il sentiero dei Troi

Home Page | dove siamo | Chi Siamo | Storia | Duri al Pezzo | verbali consiglio | Archivio fotografico | Attività | Contatti | Eventi | raduno provinciale | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu